Panoramica Petelia gia Strongoli
ARCHEOLOGIAPETELINA
  Un Decreto di un Re non può distruggere la Storia di na Città  
       



                                                                     Blasone

                                                               

Pignatelli

 
PIGNATELLI


(Principi di Monteroduni, Principi di Noja, Duchi di Montecalvo, Principi di Strongoli, Marchesi di Cerchiara)

Kath. - Südital. Uradel, der Lucio Pignatelli, Kronfeldherrn von Neapel, 1102, als Stammvater betrachtet, und dem auch Papst Innocenz XII. (1691-1700), der im Purgatorium der Göttlichen Komödie vom Dante erwähnte Bischof von Cosenza (1260) Bartolomeo Pignatelli, und der Heilige Giuseppe Pignatelli der Gesellschaft Jesu ( 1737-1811) entstammten. – Signori di Caserta 1269. Die Söhne des Tommaso, Statthalters von Atri 1431, Stefano, Carlo und Palamede, gründeten 3 Linien, von denen die Linie des Carlo in die dritte Linie des Palamede erloschen ist (1622). – Conte di Monteleone 1509 und Conte di Borello 1506 (durch Kg Ferdinand V. von Aragon), Duca di Monteleone 29.3.1527 (durch Kaiser Karl V.), unter Erhebung des Ducato di Monteleone und der Contea di Borello zum Majorat (für die männlichen Verwandten Väterlicherseits), Marchese di Caronia, Grande di Spagna.
Von Stefano : I. Linie: dei Marchesi di Casalnuovo, (erl.), Ast dei Principi di Monteroduni, Ast dei Duchi di Montecalvo.
Von Palamede: II. Linie dei Principi di Noja, Duchi di Terranova:
1° Ast dei Pr. Aragona Cortes, Pr.S.R.I. ; 2° Ast dei Pr. di Strongoli, Pr.S.R.I. ; 3°Ast dei Conti Aragona Fuentes, Pr.S.R.I. (erl.), 4°Ast di Cerchiara, Pr. S.R.I.

I.Linie

1. Ast : Principi di Monteroduni


Stammvater : Stefano Pignatelli, Erstgeborene von Tommaso. Sein Nachkomme Lodovico, 1. Marchese di Casalnuovo 1639 (durch Philipp IV.), hatte zwei Söhne, von denen der älteste, Cesare, Stifter der blühenden Linie der Marchesi di Casalnuovo ist ; der jüngere, Giovanni, wurde Barone di Monteroduni 20.5.1694 (durch Karl II.) ; dessen sohn Luigi, * 1658, + 1736, erhielt von Kg. Philipp V. 20.11.1702 den Titel Principe di Monteroduni, bestätigt von Kaiser Karl VI, 21.5.1716; Barone del Gallo (prov. Caserta) 14.7.1721 ; Erwerbung der Titel Duca di Castoria und Conte di Tuhegl 9.12.1715 infolge seiner Heirat ( 3.7.1700) mit Anna Maria Sanchez de Sotomayor Iveglia Ohmuchievich, Duchessa di Castoria, Contessa di Tuhegl, * Neapel 1649, + ebd. 1715; Beifügung des Namens della Leonessa (für di gesamte Nachkommenschaft), infolge der Heirat (31.5.1834) des 4. Principe Giovanni, * 1803, + 1865, mit Carolina Ruffo della Leonessa, * 1814, + 1870 ; ital. Anerkennung der Titel Principe di Monteroduni, conte di Tuhegl, Barone del Gallo, Patrizier von Neapel durch Minist.-Dekret Rom 30.8.1912.
Anerkennung der Titel Conte di Casalnuovo, Duca di Monteleone e Conte di Borrello von den erloschenen Linie Monteleone durch Rechtserkenntnis des Gerichtes vom Regno von Neapel 1858. Die Mitglieder dieser Linie führen den Namen Pignatelli della Leonessa mit dem Prädikat « Don » bzw. « Donna » unter Einschaltung des Vornamens. – W. (1912) : Gesp.; rechts in G. 3 (2,1) schw. Henkeltöpfe (StW.) überhöht von r. Turnierkragen, links von R. und S. zweimal get. und gesp., die 5 r.Plätze mit je einer g. Linie bel. (della Leonessa). Fstnkr.u.-mantel.

Chef: Don Giovanni Evang. Pignatelli della Leonessa, Principe di Monteroduni * 1920.

1. Don Luigi Pignatelli, 5. Principe di Monteroduni usw., * Neapel 23.3.1836, + ebd. Rom 29.8.1871; X Neapel 8.2.1855 Donna Vittoria de’ Sangro, * Neapel 30.7.1836, + ebd. 2.10.1876, T. d. Don Riccardo Duca de’ S. u.d. Donna Maria Argentina Caracciolo, Duchessa di Martina.

Kinder :
1) Don Giovanni Pignatelli, 6. Principe di Monteroduni usw., * Neapel 16.1. 1858, + Rom 21.7.1911 ; X Neapel 19.4.1885 Donna Giuseppina Gravina di Montevago, * Palermo 15.4. 1858, + Rom 1.6.1931, T.d. Don Federico G. dei Principi di M. u. d. Caterina Starabba dei Marchesi di Rudinì.

Söhne:

(1) Don Luigi Pignatelli della Leonessa, 7. Principe di Monteroduni usw., * Neapel 30.12.1885, + Rom 2.12.1930, a.o.G.u.b. M. des souv. Malt.RrO.; X Messina 19.11.1908 Maria dei Marchesi Ajossa, * Palmi 7.10.1889, ED. des souv.Malt.-RrO., + Rom 1.8.1968, T. d. Giovanni A., Marchese di Flumari, u.d. Concetta Natoli Grifeo dei Principi di Partanna.

Kinder :

a. Donna Giuseppina, * Rom 17.10.1909, ED. des souv. Malt. -RrO.; X Rom 16.11.1938 Andrea Conte Emo Capodilista, Patrizier von Venedig, * Battaglia, Padua, 14.10.1901, + Rom 11.12.1983 ( 38 Via Vecchierelli, 0018 Rom, Italien).

b. Donna Maria Concetta, * Rom 29.3.1911 ; + Rom 9.8.1978, X Rom 19.2.1936 Don Cristiano Imperiali a.d.H. der Principi di Francavilla, * Neapel 18.10.1901, Patrizier von Neapel und Genua, + Rom 19.2.1989.

c. Don Giovanni Evangelista Alberto Maria Giuseppe Federico Giuda Taddeo Lucio Palamede Pignatelli della Leonessa, 8. Principe di Monteroduni, Conte di Tuhegl, Barone del Gallo, Patrizier von Neapel, * Neapel 13.3. 1920;
X I. ... 29.6.1949 Doris Mayer von Samassa, *Bled 21. 7.1926 (Ehe vom Hl.Stuhl für nichtig erklärt 21.4.1961) T. d. Emerico M. von S. u.d. Elisabetta Samassa; X II.Rom 24.3.1963 Marina Ravà (annulliert 23.1.1993) *Rom 31.7.1934, T.d. Gino u. d. Yvette Nunes Wais; X III. Rom 10.6.1993 Emilia Magnano *Cagliari 20.10.1936, T.d. Angelo u.d. Maria Garau Molle ( 26 Via F. Liuzzi, 00194 Rom, und Schloss Monteroduni, Isernia).

Söhne a) erster Ehe:

a) Don Luigi Federico Maria Palamede Lucio Gennaro, * Rom 21.5.1950.
b) Don Federico Luigi Palamede Giorgio Maria, * Rom 5.1.1953.

Tochter b) zweiter Ehe:

c. Donna Benedetta, Paola Anna Maria Marianna Giovanna Gabriella, * Rom 23.11.1964.

(2) Don Renato Pignatelli della Leonessa, Patrizier von Neapel, Marqués de Apezteguia (Maritale nomine), Grande von Spanien I. Kl. , * Neapel 30.10.1888, Dr. jur., E.- u. Dev.-Rr des souv. Malt.-RrO. + Rom 20.4.1968; X San Sebastian 17.10.1929 Marie Ines Sanjuanena y Fontagud, Marquesa de Apezteguia, Grande von Spanien (Kgl. Span. Bestätigung vom 20.6.1924), * Madrid 26.3.1902, + Rom 7.8.1991, T. d. Francesco S. u. d. Matilde Fontagud.

2) Don Riccardo Pignatelli della Leonessa, * Neapel 21.12.1859, + ebd. 5.4.1908; X Neapel 27.4.1889 Anna Miceli, * Neapel 15.4.1870, + ebd. 27.11.1928, T.d. … M. u.d. ...


Kinder:

(1) Donna Vittoria, * Neapel 15.4.1890; + Rom 8.12.1953; X Neapel 21.11.1920 Cesare Guilio Viola, Schriftsteller, * Taranto ... 1896; + Positano ... 1958.

(2) Donna Rosa, * Neapel 30.3.1893; + ebd. 4.10.1972; X Neapel 10.6.1923 Salvatore Marchese Parisio- Perrotti, * Benevento 19.5.1881 + ... 8.1963.

(3) Donna Elisabetta, * Neapel 27.2.1896; + ebd. 9.3.1960; X Neapel 23.10.1926 Pietro Condurso, *Messina 4.4.1896; + ebd. 16.2.1976, Rechtsanwalt.

(4) Donna Francesca di Paola, * Neapel 14.9.1898 ; + Rom … ; X Neapel 4.6.1923 Conte Giuseppe de Grassi di Pianura, Conte Palatino, Patrizier von Bologna *… + Neapel 31. 3.1957

(5) Donna Maria Rosaria, * Neapel 4.8.1901¸ + ebd. 2.2.1982 ; X Neapel 2.6.1927 Dr. jur. Nob. Mario de Vito Piscicelli a. d. H.der Conti di Collesano, * Neapel 30.1.1903, + Bologna 14.4.1973.


Sohn:

(6) Don Luigi Pignatelli della Leonessa, * Neapel 16.71904, + Rom 4.6.1965, Dr. jur., Kgl. ital. Reg. a D., E.-u.Dev.-Rr des souv.Malt-RrO.; X Neapel 5.6.1926 Nob. Angelica Rocca, * Piano di Sorrento 26.7.1903, + Rom 19.5.1965, T.d. Eugenio R. u. d. Donna Giulia de’ Sangro a.d.H. der Principi di Fondi.
.

Kinder :

a. Don Riccardo * Neapel 14.4.1927, + Paris 11.3.1985, Dr.jur., Diplomat, Botschafter in Algier; X I. Paris 18.4. 1950 Diane Jacquin de Margerie, (annulliert 12.12.1962), * Paris 24.12.1927 T.d. Botschafters von Frankreich Roland de Margerie u.d. Jenny Fabre Luce; X II. Zürich 1963 Coralia Ghertsos, * Athens 28.4.1936 T.d. Konstantinos u.d. Eftimia Lardis.


Kind a) erster Ehe:

Don Fabrizio * Rom 2.8.1952, Kons.=Gen. u. Diplomat in Seoul, X Rom 2.4.1977 I.D. Anna Luisa Prinzessin von Schönburg Waldenburg, Schriftstellerin, * Palazzo Venturi (Siena) 22.11.1952 T. d. Wolf 6. Fürst von Schönburg Waldenburg, u.d. Contessa Luciana Bargagli Stoffi (10 Via di Villa Ada, 00199 Roma, u. Palazzo S. Lucia, 5 Via delle Erbe, 53045 Montepulciano, Siena, Italien).

Sohn:
Don Stefano Luigi Wolf, * Guatemala City 21.10.1987;

Kinder b) zweiter Ehe:
Donna Vittoria, * Zürich 9.11.1963;
Don Luigi * Rom 15.8.1966.

b) Donna Anna Maria * Neapel 5.5.1929, X 10.1.1957 Piano di Sorrento Marchese Ferdinando Coda Nunziante di San Fedinando, Dr. jur. * Neapel 25.6.1924.

c) Don Stefano * Rom 5.3.1921, + Neapel 16.7.1977.

3) Donna Maria Argentina *Paris 26.7.1866, + Neapel 16.2.1951; X ebd. 22.4.1896 Luigi Barone Carelli, * Neapel 12.2.1852, + ebd. 30.1.1945, I.Epräs.des Kassations-G.-Hofes.

4) Donna Giuseppina, * Neapel 4.7 .1871; + Rom 1.6.1931; X Cava dei Tirreni 5.10.1890 Gioacchino Torre, Marchese di Civitarotenga e di Casalicchio, *..., + Neapel 16.11.1938.

2. Don Alfonso Pignatelli della Leonessa, * Neapel 12.11. 1851, + ebd. 6.3.1924, E.-u.Dev.-Rr des souv. Malt.-RrO.; X Neapel 2.10.1872 Donna Guilia Marulli a.d.H.der Duchi di San Cesario, * Neapel 15.11.1852, + Neapel 8.5.1943, T.d. Don Carlo M., Duca di S.C., u.d. Donna Maria Doria a.d.H.der Principi di Angri.

Sohn :
Don Giovanni, Duca Pignatelli della Leonessa (Verleih.des Ducatitels lt Kgl.ital. Entschliessung vom 14.1., Dipl. vom 9.5.1929), * Neapel 23.6.1876, E.- u. Dev.-Rr des souv. Malt.- RrO.; ebd. + 23.5.1943 ; X Neapel 7.8.1907 Virginia de Filippis, * Neapel 26.11.1882 ; + ebd. 13.5. 1956, T. d. Cav. De F.- Delfico u.d. Giulia Oneto.

Kinder :
(1) Don Carlo, * Neapel 4.5.1908, Dr.jur., Kgl.ital.Kpt. der Kav., E.-u. Dev.-Rr des souv. Malt.-RrO.; + Saint Moritz 2.1.1946; X Neapel 29.10.1939 Carmela Matarazzo, * Neapel 26.6.1917, + ebd. 2.8.2001, T. d. Giuseppe Conte M. di Licosa (ital. Verleih. des Contetitels 25.6.1917) u. d. Donna Anna de Notaristefani a.d.H. der Duchi di Vastoginardi.

Kinder :

a. Donna Ornella, Neapel 23.8.1940.

b. Don Giovanni, * Neapel 28.1.1942; X Sorrento 19.7.1973 Donna Irene Imperiali a.d.H. der Principi di Francavilla, *Rom 21.1.1944, T.d. Mariano e u. d. Clorinda Thaon de Revel.

Tochter:

Donna Margherita Anna Romita, * Neapel 1.3.1975.

c. Don Fabio Alfonso, * Neapel 12.9.1947.

(2) Donna Giulia, * Neapel 11.5.1910; + ebd. 19.7.1984; X Neapel 28.9.1939 Don Emilio Gaetani d’Aragona a.d.H. der Marchesi di Cirigliano Ar. * Beapel 22.10.1904; + ebd. 22.11.1970.


Ast: Duchi di Montecalvo


Stammvater : Stefano Pignatelli. – Erwerbung des Titels Duca di Montecalvo (geschaffen 2.7.1611) infolge der Heirat des Giovanni Battista Pignatelli, Marchese di Paglieto, * 1617, + 1658, mit Isabella Gagliardi Duchessa di Montecalvo. – Marchesi di Paglieto 16.1.1603; Marchesi di San Marco Lacatola durch Heirat (19.2.1605) des Pompeo Pignatelli, Marchese di Paglieto, mit Violante Gaetani d’Aragona, Signora di S. Marco Lacatola; Patrizier von Neapel. – Die Mitglieder dieses Astes führen den Familiennamen Pignatelli di Montecalvo mit dem Prädikat « Don » bzw. « Donna », unter Einschaltung des Vornamens. – W.: In G. 3 (2,1) schw. Henkeltöpfe, überhöt von r. Turnierkragen. Ital.Hzgkr. u.- mantel.

Vgl.Goth.Hofkal.1939.

1. Don Carlo Pignatelli, Duca di Montecalvo, * ...23.11.1860, +...16.10.1917; X ... 30.7.1898 Maria Maddalena Fesencko * Neapel 22.7.1875, + ebd. 1.9.1942, T.d….u.d…

Kinder :

1) Don Giuseppe Pignatelli, Duca di Montecalvo, Marchese di Paglieto, di San Marco Lacatola, Patrizier von Neapel usw., * Neapel 15.4.1899, + ebd. 14.1.1941.

2) Donna Maria, * Neapel 18.12.1900, Karmeliter-Nonne, + Rom 19.12.1987.

3) Don Giovanni Pignatelli, Duca di Montecalvo usw., * Neapel 14.12.1903 Kgl. ital. Lt d. Art; + Rom 9.5.1981; X Neapel 8.9.1929 Gabriella de Riseis a. d. H. der Duchi di Bovino, * Neapel 15.11.1908, + Rom 24.9.1985, T.d. Don Giovanni de R., Duca di B., u.d. Donna Antonia Gaetani d’Aragona.

2. Don Pompeo, * San Giorgio a Cremano 9.8.1868, Kgl.ital.Gen.d.Kav.; X Florenz 31.8.1899 Elena Narischkin (aus russ. Erbadel), * Florenz 27.11.1879, T.d…. u.d….

Kinder:

1) Don Guido, * S. Paolo Belsito 23.6.1906; + Palermo 5.2.1967; (Verleih. des Principe Titels (per) Kgl. Ital. Entschliessung vom 14.6.1941); X I. Madison USA, 28.8.1925 Costanza Grenelle Wilcox, (Ehe vom Hl.Stuhl für nichtig erklärt, gesch. Reno, Usa 24.4.1937), u. zivilgerichtl. gesch. in Italien 21.11.1939) *… T.d. u. d. …; X II. Los Angeles, USA, 24.4.1937 Henrietta Hartford, * Charleston, Usa. T.d. … u.d….; X III.Palermo Barbara Eastmann, *… T.d. … u.d. …

Tochter a) erster Ehe:

a) Donna Maria Elena, * Florenz 29.3.1929.

Kinder b) dritter Ehe:

b) Don Paolo Pignatelli, Duca di Montecalvo, March. di Paglieta, usw. * Washington 10.8.1946, X New York 6.11.1981 Margery Baker.

Tochter:

Donna Giulia * New York 4.9.1986.

c) Donna Francesca, * Washington 10.8.1946, X Florenz 6.6.1980 Paolo Bonetti *… .

d) Donna Natalia, * Washington 8.7.195, X Neapel 30.6.1975 Don Guido
d’Aquino a.d.H. der Principi di Caramanico usw. Principe di S. Severo, Patrizier von Neapel, di Benevento, Nob. di Taranto, Botschafter des. Souv. Malt-RrO. in San Marino * 18.4.1931 (Palazzo Caramanico, 7 Via Chiatamone, Neapel;
19 Largo Fontanella Borghese, Rom; Cancelleria dell’Ambasciata del SMO di Malta, Contrada delle Mura 18, San Marino).

2) Donna Sofia, * Florenz 27.8.1905, + ... ; X 27.12.1933 Thomas Rusk Sturges, * ..., + ... .

3. Don Paolo, * San Giorgio a Cremano 9.10.1869, + Neapel 9.2.1932; X Neapel 21.4.1912 Anna Rocco a.d.H. der Principi Rocco di Torrepadula, * Neapel 3.2.1886, T.d. Pr. Don Innocenzo R. Counsellor to the Italian Supreme Court oj Justice, u.d. Prssa Maria Ricciardi di Camaldoli (Porto d’Ischia, Proprietà Pignatelli, Italien).

Kinder :

1) Don Innocenzo, * Casoria b. Neapel 17.10.1913, + Neapel 26.3.1976; X Neapel 19.1.1933 Donna Maria Rocco a.d.H. der Principi di Torrepadula, * Neapel 19.12.1914, T. d. Pr. Giovanni R. di Torrepadula u.d. Paola di Lieto di San Martino.

Tochter:
Donna Maria Assunta, * Neapel 5.11.1933; X Neapel 12.6.1965 Mario di Napoli, * Neapel 21.8.1930.

2) Donna Costanza, * Neapel 20.2.1918; X Neapel 29.4.1948 Rechts. Dr.- jur. Luigi Cantatore, * Molfetta (Bari) 1.1.1916, 1. Kabinetts-Sekr. im Min.d.Inneren , + Rom 31.8.1988.

3) Donna Maria Rosaria, * Capri 4.8.1921, + Neapel 7.3.1989.

4) Don Antonio, * Neapel 18.2.1923, + Neapel 19.3.1968.

Anderes Ast

Patrizier von Neapel, (für die männ. Nachkommenschaft), Nobile dei Duchi di Montecalvo, (für die gesamte Nachkommenschaft) mit dem Prädikat ‘'Don ’ bzw. ‘Donna’, unter Einschaltung des Vornamens.

Nachkommen von Don Alfonso (1840-1898) u. D. Marianna Pandolfelli, * ..., + ..., T.d. u.d. ... .


1. Don Giuseppe, * Neapel 26.12.1871, + Neapel 30.12.1935; X I. Lecce 23.1.1895 Nobile Maria Foscarini, * …, + … ; X II. 1.7.1907 Nobile Antonietta di Lieto di San Martino, * …, T.d. … u.d. … .

Kinder:
1. Donna Maria Cecilia, * Lecce 24.3.1896, Domenican Nonne, Superior of Sacro Cuore, Livorno.
2. Don Alfonso, * Lecce 3.1.1898 , + Mendoza (Argentinien) 3.11.1930; X Mendoza 1925 Carmen Jofrè * … T.d. …u. d. …

Tochter:
Donna Maria Antonietta, * Mendoza … .


3) Donna Beatrice, * Lecce 3.3.1901 ; X Neapel 9.10.1922 Eugenio Leanza, Ingenieur,* … (33 via Guglielmo Sanfelice, Neapel, Italien)

4) Donna Vittoria, * 18.3.1908, + Neapel 8.9.1986 ; X I. Salvatore Brancaccio, Ingenieur; X II. Alessandro Piazza, * Bologna 20.6.1903, + Neapel 30.5.1986.

2. Don Riccardo, * Neapel 9.7.1881, + 1959; E.-u.Dev.-Rr des souv.Malt-RrO. ; X Charkoff 9.7.1908 Caterina Fauzon, * … , + … , T.d. u. d. … .

II. Linie: Pignatelli Aragona Cortes usw. (Terranova)

Stammvater: Palamede Pignatelli, Letztgeborene des Tommaso. – Signore di Cerchiara, Noja (Prov. Calabria, Citra) 1505; Marchese di Cerchiara 7.11.1556 (durch Kg Philipp II.); Erhebung der Hrschaft Noja (Prov. Basilicata) zum Principato 2.6. 1600 (durch Kg Philipp III.); Erwerbung der Titel der zweiten Seitenlinie von Carlo (s.o) 1622 infolge der Heirat (1615) des Fabrizio, 3 Principe di Noja usw., * 1604, + 1664, mit Geronima Pignatelli, + 1667, 6. Duchessa di Monteleone usw., Erbin (seit 1622 nach dem Tode ihres Vaters, des 4. Duca Ettore) und Letzte der zweiten Linie. – Beifügung des Namens d’Aragona Cortes (primog.) und Ererbung (1692 vom Hause Tagliavia Aragona Cortes) der sizilianischen Titel Duca di Terranova, Principe di Castelvetrano, Marchese di Avola, Marchese della Favara, Conte di Borghetto, Marqués de la Valle de Oaxaca, Conde de Priego (beides span. Titel, infolge der Heirat mit der lezten Nachkomme des Westindien-Conquistador Hernan Cortés, Stefania Carrillo, der zweite in eine andere Familie übergegangen), der erblichen Titel Grossconnetable und Grossadmiral von Sizilien und Grande von Spanien, infolge der Heirat (1639) des Ettore Pignatelli, 4. Principe di Noja, * 1620, + 1674, mit Giovanna Tagliavia Aragona Cortes, * 1619, + 1692, Erbin und Letzten ihres Hauses. Patrizier von Neapel (fuer die männ. Nachkommenschaft). Principe del Sacro Romano Impero - Reichsfürst - (1648), Patrizier mit dem Predikat von Senise, Casalnuovo, Amendolara, San Vito, Luciante, S. Demetrio, Stefanicore, San Floro, Castelmenardo di Calabria e Polia, (für di gesammte Nachkommenschat).
Nicola Tagliavia Pignatelli Aragona Cortes, Viceré von Sizilien, Viceré von Sardinien, Grande von Spanien, * Cerchiara 23.8.1648, + Neapel 8.3. 1730, heiratete Palermo 23.2.1671 seine Grossnichte Giovanna Aragona Pignatelli Cortes, * Madrid 6.11.1666, + Madrid 22. 6.1723, Erbin aller Familientitel
( 6.Principessa di Noja, 9. Duchessa di Monteleone, 8. Duchessa di Terranova, 8. Marchesa di Cerchiara, Grande von Spanien I.Kl), von der vier Söhne geboren wurden :
d. Principe del Sacro Romano Impero, Reichsfürst Don Diego, Stifter des 1. Astes Principi di Noja, Duchi di Terranova; d. Pr. S. R. I. Reichsfürst Don Ferdinando S. des 2.Astes di Strongoli; d. Pr. S.R.I. Reichsfürst Don Antonio S. des 3. Ast di Fuentes (erl. in der männ. Nachkommenschaft); d. Pr. S.R.I. Reichsfürst Don Fabrizio S. des 4. Ast di Cerchiara.

I Ast Pignatelli Aragona Cortes

Die Mitglieder des Astes führen den Name Pignatelli Aragona Cortes.

Ettore Pignatelli, 9. Principe di Noja, * 1742, + 1800, erwarb infolge seiner 1767 erfolgten Heirat mit Anna Maria Piccolomini, Erbin durch Nachfolge eines Zweiges des Hauses Piccolomini, die Titel Principe di Valle (29.6.1612) Marchese di Montesoro e Conte di Celano und durch Nachfolge des Hauses Loffredo die Titel Principe di Maida (1608), Duca di Lacconia, sowie durch Nachfolge des Hauses Caracciolo di Gioioso die Titel Duca di Girifalco e di Orta e Marchese di Gioioso. – Pair von Sizilien 1812, am Titel Principe di Castelvetrano. Italienische Anerkennung der oben angeführten Titel, die, mit Ausnahme der vom Hause Tagliavia stammenden sizilianischen Titel, alle neapolitanisch sind, und italienische Verleihung des Titels Principe del Sacro Romano Impero (Reichsfürst und Reichsfürstin für die gesamte Nachkommenschaft) It Min.-Dekret 1906; span. Anerkennung des Titels Marqués de la Valle de Oaxaca 25.5.1916 (für den 14. Principe di Noja). _ Die Nachgeborenen führen den Titel und Name Principe bzw. Principessa Pignatelli mit dem Prädikat « Don » bzw. « Donna », unter Einschaltung des Vornamens.
Arms : Quarterly :1 Or thre pignates Sable set 2-1 ; 2 Or 4 pals Gules (Aragona) ; 3 Or 4 pals Gulesa border Azure charged of 8 small crosses Argent, set per circle, (Cortes) ; Azure a palm natural fructed of 2 grappes Or.

1. Giuseppe Pignatelli, 14. Principe di Noja usw., * Palermo 20.8.1860, + Rom 8.3.1938, Senator des Kgr. Italien, ERr des souv. Malt.-RrO.; X Sirignano (Nola), 4.11.1889 Rosa de la Gandara y Plazaola, * …1869, + Rom 5.3.1946, T.d. Joaquin de la G. y Navarro, Marqués de la Gándara, u.d. Rosa Plazaola y Limonta.

Kinder :

1) Prssa Maria Gloria, * Neapel 18.3.1891, + Mexiko 18.12.1925; X Rom 29.11.1924 Principe Don Valerio Pignatelli di Cerchiara, * Chieti 19.3. 1886, +Sella Marina 6.2.1965.

2) Principe Don Antonio Pignatelli, 15. Principe di Noja, 17. Duca di Terranova, 17. Marchese di Cerchiara, 10. Principe di Castelvetrano, Principe del Sacro Romano Impero usw., * Neapel 18.12.1892; X Mexiko 26.11. 1926 Beatrice Molyneaux, * Texas 14.2.1906, + … , T.d. … u.d. … .

Kinder:
(1) Prssa Donna Maria Gloria, * Mexiko 1.2.1927 .
(2) Pr.Don Giuseppe, Mexiko 9.10.1931, X Rom 3.1.59 Giulia Gallarati *…, T.D. ... u.d. ... .

3) Prssa Donna Maria Anna, * Neapel 11.5.1894; X Rom 8.5.1917 Nob. Guido Sommi Picenardi, Marchese di Calvatone, * Milano 12.3.1893, + 30.3. 1949.


2.Pr. Don Diego, Principe del Sacro Romano Impero (ric. Dekr.Min. 5.7.1928), Patrizier von Neapel, * Palermo 1.3.1862, + Neapel 11.6.1930, Bailli u.Grosskr. d. souv. Malt.-RrO.; X Neapel 16.10.1886 Donna Rosa Fici, * Palermo 1.9.1869, + Neapel 4.1.1955, ED. d. souv. Malt.-RrO., T.d. Don Luigi F., Duca di Amalfi, u.d. Donna Ludovica Flores.

Kinder:
1) Pr. Don Antonio, * Neapel 7.10.1887, + Turin 23.10.1954; X Neapel 7.7.1921 Nob. Erminia Filo, * Neapel 1.4.1885, + Sanremo 20 giugno 1963, (X I. Don Garcia Alvarez de Toledo a.d.H. der Conti Caltabellotta, + 1921), T.d.Nicola F., Conte di Torre Santa Susanna u. d. Margherita Lotti dei Conti di Oppido .
2) Prssa Donna Ludovica, * Neapel 2.2.1889, + Genf 25.8.1952; X Neapel 26.7.1928 Pr. Don Sostene Pignatelli, Duca di Monteleone, Grande von Spanien I.Kl., * Biarritz 25.5.1872, + Glion, Schweiz, 29.10.1939.

3) Pr.Don Ferdinando Maria, * Neapel 28.5.1899, + Gela 14.4.1951.
4) Prssa Donna Anna Maria, * Neapel 28.5.1899 (Zwillingsschwester des Vorigen) + Neapel 12.3.1988.


3. Pr. Don Federico, * Palermo 28.3.1864, + Neapel 21.7.1947, ERr d. souv.Malt-RrO.; X I. Palermo 25.10.1886 Donna Eleonora Lanza, *... + Palermo 2.2.1887, T.d. Don Francesco L., Principe di Trabia, u.d.Rosa Mastrogiovanni Tasca ; X II. Neapel 14.7.1890 Donna Isabella Mastrilli a.d.H. der Duchi di Marigliano, * Neapel 8.11.1867, + Rom 10.3. 1937, T.d. Marzio M., Marchese di Gallo u.d. Filomena Doria a.d.H. der Principi di Angri.

Kinder zweiter Ehe:

1) Prssa Donna Maria Carmela, * Neapel 18.4. 1891; X Neapel 27.10.1924 Don Enrico Proto Pallavicini, Duca d’Albaneta, * ebd. 7. 8.1878, + Neapel 23.9.1960.
2) Fra Marzio, * Neapel 17.8.1892, Kmdr der Justiz des souv.Malt.-RrO., + ebd. 13.2.1977.
3) Pr. Don Fabrizio Giuseppe, Principe del Sacro Romano Impero, (Dekr. 3.9.1937), Patrizier von Neapel, * Neapel 17.6.1897, + Rom 4.4.1953, Bailli u. Grosskr. d. souv.Malt-RrO., Leut.=Kol.; X Turin 29.4.1920 Maria Cristina a.d.H. der Conti Rignon, * Mailand 27.3.1899,
ED. des souv.Malt.-RrO., T. d. Edoardo Conte R. u.d. Maria dei Conti Nicolis de Robilant.


Kinder:

(1) Pr. Don Nicolò Maria, Duca di Terranova, Rechts., ERr des souv.Malt-RrO., Freg.=Kpt., * Neapel 22.3.1923, X I. Rom 30.6.1954 Luciana Malgeri, * Roma 13.1.1935, T.d. Francesco M. u.d. Nelida Lenci; X II. Rom 16.1.1969 Mary Susan Morton * Sant’Antonio, Texas, 16.10.1946, T.d. Frederich Morton u. d.Mary Booth.

Kinder a) erster Ehe:

a) Prssa Donna Fabrizia, * Rom 30.1.1956; X Rom Stephen Fiamma * New York 23.11.1953

b) Pr. Don Diego, * Rom 22.3.1958; X Rom Cristina Prandoni Porta * Milano 6.6.1955, T. d. Ottavio Prandoni Porta u. d. Lucia Minardi

Tochter:

Prssa Margherita, * London 7.10.1989.

Kinder b) zweiter Ehe:

c) Pr. Don Ascanio, * Rom 10.6.1970; X Los Angeles Tanja Gurianov * Winsdon 10.3.72, T.d. Vladen G. u.d. Dusanka... ( 838 Fourth Street, Apt. 304, Santa Monica, CA 90403, USA).

d) Pr. Don Adriano, * Rom 12.5.1972; X Los Angeles Ivana Smith, * Certaldo (Fi) 21.5.1974, T.d. Joseph S. u.d. Margaret... (1738 Federal Avenue, Apt.9, Los Angeles, CA 90025, USA).

(2) Prssa Donna Giovanna Alfonsa, * Rom 29.11.1933; + 26.6.2000 X Rom 24.6.1954 Georges Bréhat * l’Isle de Brehat 14.10.1923, Schauspieler.


2.Ast Pignatelli Aragona Cortes


Die Mitglieder dieses Astes führen den Name Pignatelli Aragona Cortes.

1. Principe Don Mario * Neapel 22.12.1864 + Catania 26 .6.1926 X Maria Balsamo * Catania 14.11.1868 + ebd. 20.6.1949:

Kinder :

1) Prssa Donna Teresa , * Catania 22.5.1903, + ebd. 31.12.1969.

2)Prssa Donna Lorenza, * Catania 9.6.1904, + Rom 17.8.1998.

3) Prssa Donna Adelaide, * Catania 5.7.1906, + 28.11.1987; I. X 30. 7. 1924 Camerata Pignatelli di Casalgismondo * Catania ...1888, + ebd. ... 1968 ; II.X Barone Mario Bonajuto, * Catania 31.10.1910, + ebd. 15.4.1999.

4) Principe Don Giuseppe Pignatelli Aragona Cortes, dei Duchi di Terranova, u.s.w., Patrizier von Neapel, * Catania 14.1.1911 + Rom 7.1.1985; X
Rom 26 .10.1939 Maria Favitta Camerata, *Palermo 9.6.1910 + Rom 29.8.1998, T.d. Salvatore Favitta u. d. Rosaria Camerata.


3. Ast di Strongoli

Ererbung der Titel Principe di Strongoli (begründet 26.9.1620), Conte di Melissa (begründet 17.7.1591), Duca di Tolve (begründet 26.4.1678) infolge der Ehe des Ferdinando Pignatelli mit Lucrezia Pignatelli, 4. Principessa di Strongoli, 3. Duchessa di Tolve, 6. Contessa di Melissa, * 1704, + 1760 (Lucrezia Pignatelli war die Letzte der dritten Linie, Stammvater Stefano, die 1626 von dem Hause Campitelli die Titel Principe di Strongoli und Conte di Melissa geerbt hatte).
Die Mitglieder der Familie führen den Namen Ferarra Pignatelli, mit den Titeln: Principe di Strongoli, Conti di Melissa, Baroni di Silvi e Castiglione, (män. prim.) mit dem Prädikat « Don » bzw. « Donna » unter Einschaltung des Vornamens.
Arms : Party, 1 Azure a fesse lowered Or, accompanied in chief by a pair of compasses Or, with three stars Or og f & branches, and in point by a mountain of three mounts Or (Ferrara); 2 Or three pots Sable, set 2 and 1, (Pignatelli).


1. Don Francesco Pignatelli, 9. Principe di Strongoli, 11. Conte di Melissa, * Cotrone 20.1.1837, + Neapel 20.6.1906 ; X Neapel 23.1.1867 Donna Adelaide del Balzo, * Neapel 10.6.1843, + ebd. 28.6.1932, PD. der Kgin Margherita, T.d. Don Ernesto del B. Duca di Caprigliano, u.d. Lady Dorothy Walpole a.d.H. der Earls of Oxford.

2. Don Luigi Pignatelli, 10. Principe di Strongoli, 12. Conte di Melissa, * Spezzano Grande 26.8. 1842, + Neapel 26. 3. 1907, ; X Isola Caporizzuto, Calabrien, 27.1.1879 Nob. Carolina Barracco, * Spezzano Grande 3.8.1845, + Neapel 11.1. 1933, T. d. Barone Alfonso B. u. d. Donna Emilia Carafa a.d.H. der Principi di Colubrano.

Kinder:
1) Donna Emilia Carolina Maria Giulia Desiderata Pignatelli, 11.Prssa di Strongoli, Prssa del Sacro Romano Impero (persönl.), 13. Contessa di Melissa, * Neapel 30.1. 1884 , + Neapel 19.12.1976 (ital. Bestätigung dieser Titel durch Minist.Dekr. Rom 14.6. 1905, Uebertragbarkeit des Titels Principe di Strongoli für die männl. Nachkommenschaft ihrer Ehe mit Ferdinando Ferrara, Barone di Silvi u. Castiglione sowie Genehmigung, das Wappen Pignatelli dem der Ferrara anzufügen. Vereinigung des Namens Ferrara mit Pignatelli (Dekr. 9.1.1928); X Neapel 29.4.1903 Dr. Jur. Ferdinando Ferrara, Barone di Silvi e Castiglione, * Neapel 28.6.1868, + ebd. 1.12.1943, Principe di Strongoli, Conte di Melissa ( Palazzo Strongoli, 256 Riviera di Chiaia, 80121 Neapel, Italien).

1) Deren Kinder:

1.Donna Margherita Maria Onorata Carolina Francesca, * Neapel 16.2.1912, + Neapel 8.3.2002; X Neapel 4.12.1929 Don Antonio del Balzo a.d.H. der Duchi di Presenzano, * Neapel 6.11.1903, + Neapel 30.4.1947

2.Don Vincenzo Maria Luigi Geronimo Fabrizio Ferrara-Pignatelli, Principe di Strongoli, Conte di Melissa (vorz. Erbsch. 10.3.1926), * Neapel 16.8.1913 , + ebd. 7.12.2000, Dr.agr., ERr. d. souv. Malt.=RrO.; X Neapel 10.7.1939 Nob. Francesca Pulci Doria, * Neapel 18.2.1920, T. d. Nob. Renato Pulci Doria u. d. Donna Giulia Serra a.d.H. der Duchi di Cassano (Palazzo Strongoli, 256 Riviera di Chiaia, 80121 Neapel, Italien).

Kinder:

1) Donna Emilia , * Neapel 6.4.1940, + Neapel 22.12.1999 ; X Neapel 12.1.1966 Principe don Alonso Juan Maria de Borbon Orléans y Borbon Parodi Delfino (* Rome 23.8.1941, + Houston USA, 7.9.1975), Diplomat, Konsul von Spanien in Houston, Texas, USA, a.d. H.der Duchi di Galliera.

2) Don Ferdinando, * Neapel 10.7.1941, Dr. Ec. , ERr. d. souv.Malt.=RrO. ; X Rom 19.12.1974 Marina Ghella, * Rom... T.d. ...u.d. ... (Palazzo Strongoli, 256 Riviera di Chiaia, 80121 Neapel, Italien)

Kinder :

Donna Melissa * Rom 1.1.1977.
Donna Ginevra, * Montecarlo MC, 1.1.1980.

3) Donna Giulia, * Neapel 21.4.1945, (Palazzo Strongoli, 256 Riviera di Chiaia, 80121 Neapel, Italien)

4) Donna Renata, * Neapel 6.11.1949, ED. des souv. Malt. -RrO.; X Mastrati 1.1.1972 Marquis Lorenzo Bartolini Salimbeni Vivaj * Neapel 6.12.1942, Arch. ( 106 Via Archimede, 00197 Rome, Italien).

2) Don Vincenzo Pignatelli, Principe del Sacro Romano Impero, * Neapel 1.7.1886, + ebd. 21.2.1906.




4. Ast di Cerchiara

Die Mitglieder dieser Linie führen den Namen Pignatelli di Cerchiara, mit den Titeln: Patrizier von Neapel, (für die männliche Nachkommenschaft); Principe del Sacro Romano Impero, - Reichsfürst u. Reichsfürstin - (für die gesamte Nachkommenschaft); mit dem Prädikat « Don » bzw. « Donna », unter Einschaltung des Vornamens, M.D. 31.1.1938.
Arms : Or three pignates Sable set 2-1.

Chef: Principe Don Andrea Pignatelli di Cerchiara, * 1918

Pr. Fabrizio Pignatelli di Cerchiara, * Neapel 13.2.1703, + ebd.6.9.1736 ; X Neapel 16.11.1727 Donna Virginia Pignatelli di Strongoli, * Neapel 6.2.1710, + Massa di Somma 19.3.1735, T.d.Girolamo P., Principe di Strongoli, u.d. Maria Caracciolo.

Pr. Michele Pignatelli di Cerchiara, * Neapel 28.8.1728, + ebd. 23.5.1794 ; X Neapel 15.5.1746 Donna Giovanna Serra di Cassano, * ...1.2.1726, + ...25.8.1811, T.d.Giovanni S., Duca di Cassano, u.d. Rosa Caracciolo di Martina.

Pr. Andrea Pignatelli di Cerchiara, * Campi 1.8.1764, + .....1833, Feldmarschall unter Murat ; X Capua 12.4.1791 Irene Vollaro, * Neapel 9.10.1769, + ...6.4.1844, T.d.Girolamo V. u.d. Marianna Sepitani.

Pr. Michele Pignatelli di Cerchiara, * Neapel 15.4.1802, + Roccaguglielma 13.11.1839 ; X ...20.7.1826 Donna Gaetana di Sangro di Sansevero, *...12.4.1798, + ...27.6.1856, T. d. Raimondo d. S., Principe di Sansevero u.d. Barbara dei Baroni Sergio.

Pr. Andrea Pignatelli di Cerchiara, * Neapel 29.7.1832, + Nola 10.11.1877; X Chieti 11.9.1859 Raffaella Valignani di Turri, *....., + ....., T. d. Francesco V., Barone di Turri u. d. Teresa Scorpione.

1. Pr. Michele Pignatelli di Cerchiara * Chieti 21.3.1861, + ebd. 13.3.1943 ; X Chieti 13.12.1883 Emilia Valignani, * Chieti 8.12.1868, + Villanova (Pescara) 16.7.1955, T. d. Nobile Valerio V. dei Duchi di Vacri u.d. ...


Kinder :

1) Principe Don Andrea, * Chieti 6.9.1884, Inf.=Kpt., + Ka bei Monastir 26.3.1917 ; X Anna Fandos * ... + ....

Tochter :

Prssa Donna Andreina Smeralda, * Marnia (Algerien) 13.8.1913, + Rom 28.4.2001 ; X I. Rom 26.10.1937, (annulliert 11.1.1945), Sebastiano Baduel; X II. Neapel 30.1.1945 Prof. Guido Cendali, General * Stia (Ar) 28.2.1899 + Neapel 5.3.1976.


2) Principe Don Valerio, Kav.Offizier, Silberntapferkeitskreuz, * Chieti 19.3 1886, + Sellia Marina 6.2.1965; X I. Rome 19.1.1924 Prssa Donna Maria Gloria Aragona Pignatelli Cortes, T.d. Principe Diego u.d. Rosa dei Marchesi de la Gandara * Neapel 18.3.1891, + Mexiko City 18.12.1925; X II. Los Angeles, USA, 1.3.1929, (annulliert 24.1.1940), Conchita Sepulveda y de la Guerra, * MexiKo City 2.5.1888, + 6.7.1972; X III. Sersale 25.6.1942 Maria a.d. H. der Conti Elia, * Florenz 24.3.1898, + Nicastro 10.3.1968, T.d. Conte Giovanni E. u.d. Beatrice Benini.

Tochter zweiter Ehe:

Prssa Donna Stefanella Teresa, * Los Angeles, USA, 5.1.1930, X Joseph G. Werner, * ... (9555 Ladue Road, Saint Louis, Missouri 63124, U.S.A.)

3) Principe Don Fabrizio, Militärverdienstkreuz, Silberntapferkeitskreuz, * Chieti 14.2.1888, + Viareggio 23.2.1931; X Rom 6.2.1918 Maria Teresa Orlando * Livorno 1.5.1894, + Rom 12.3.1984, T.d. Ingenieur Reichsenator Paolo O. u. d. Alda a.d.H. der Conti Piola Caselli.

Kinder:

(1) Principe Don Andrea Paolo, * Rom 14.11.1918; X I. Rapallo 1.7.1948 Marcella a.d.H. der Conti Arlotta Tarino, * Turin 28.7.1922, + Rom 11.8.1984, T. d. Conte Massimo A.T. Figarolo di Groppello, u. d. Teresa Figarolo Tarino a.d.H.der Conti di Groppello; X II. Sabaudia, 18.10.1985 N.D. Maria Teresa Morosini, Patr. Veneto, * Asti 3.2.1930, T.d. N.H. Luigi M. Patr. veneto u. d. Ernestina Vassallo dei Conti di Castiglione Falletti ( 8 via Trento, 04016 Sabaudia, Italien).

Kinder erster Ehe:

a) Prssa Donna Giovanna Paola Francesca Maria, * Fiesole 1.4.1949 ; X Fiesole 29.11.1969 Paolo Saint Amour dei Marchesi di Chanaz * Sao Paulo, Brasil, 4.12.1947 (150 Via della Farnesina 150, 00194 Rom, Italien).

b) Principe Don Fabrizio Giuseppe Benvenuto Maria, * Rapallo 22.3.1951; X Rom 10.8.1972 Donna Eugenia Maria Galateri, Dr. Phil., * Rom 8.3.1951, T. d. Conte Angelo Maria G. di Genola, General, u. d. Carla Fontana ( 107 Via dei Mille, 50131 Florenz, Italien).

Kinder :

Prssa Donna Francesca * Florenz 1.9.1972.

Principe Don Stefano, * Florenz 3.1.1980.

c) Principe Don Francesco Paolo Maria, * Rom 13.7.1953 ( 19 Piazza Napoli, 20146 Mailand, Italien).

(2) Principe Don Paolo Michele Maria * Milano 30.3.1921, + Rom 24.8.1997; X Rom 30. 12.1950 Silvana Levi-Luxardo, * Trieste 28.3.1924, T.d. Prof. Dr. Italo Levi u. d. Nobile Antonietta Luxardo (141 B Via Archimede, 00197 Rom, Italien).

Sohn:

Principe Don Stefano Giuseppe Innocenzo Maria, * Rom 28.12.1951 ( 96 Viale Regina Margherita, 00198 Rom, Italien).

(3) Principe Don Michele Maria , Dr.med., Chirurg, Neurologist, * Mailand 10.10.1923, + Rom 3.11.2001; X I. Bressanone 14.2.1952 Livia Borgatti, * Alessandria 5.4.1927, + Mailand 6.3.1977 ; X II. Rom 8.6.1977 Louise Loyi Yuen, * Shangai 17.7.1946 T.d. ... u. d. ...( 25 Via di Villa Sacchetti, 00197 Rom, Italien).

Sohn zweiter Ehe:
Principe Don Andrea Yuan Tao Poalo Maria, * Rom 5.6.1978.

5) Prssa Donna Maria, * Chieti 24.7.1889, + Chieti 2.6.1969 ; X Chieti 19.9.1917 Antonio Basile, General, *Martina Franca (Ta) 27.12.1882 + Chieti 10.5.1957.
5) Prssa Donna Giovanna Maria, * Chieti 15.3.1899, + 22.11.1973; X Chieti 6.12.1922 Don Giuseppe Antonio Caracciolo Pinelli, Duca di Castelluccio, Patrizier von Neapel, * Tocco Casauria 14.1.1891, + Rom 23.10.1966.





FAMIGLIA PIGNATELLI



Franco Campitello mori senza lasciare discendenti diretti e, per conseguenza, gli successe nei feudi Domenico Pignatelli, suo nipote che ebbe incarico di redigere l'inventario dei beni lasciati dallo zio morto. Egli è da non confondersi con l'omonimo Cardinale di Belmonte che morì a Palermo il 5 febbraio 1803.

Domenico era figliuolo di Girolamo Pignatelli e di Giovanna Campitello, figlia di G. Battista (Fase. 77, pratica 41, arch. Pignatelli). Dal volume 283 (Arch. Napoli - Segreteria dei Vice Re, anno 1668), sappiamo che tra Domenico e la zia Donna Paola Campitello, vedova di Franco, vi fu una lite vertente per la quale il Vice Re, a 15 settembre dello stesso anno, dava incarico di composizione al. l'Uditore di Cosenza Sig. Cardino, ed, a 20 settembre, disponeva il sequestro dei beni del defunto Franco.

Con Domenico, il feudo di Strongoli passa alla nobile famiglia Pignatelli. Epoca di floridezza e tranquillità, nella quale Strongoli non ebbe a sentire il peso della tirannide feudale, grazie alla fortuna di essere governata da una famiglia che per sacra tradizione, per nobiltà di animo, per elevatezza di mente, abborrì ogni forma

(1) Pur non volendo dare un valore assoluto ad una nostra supposizione, pensiamo che se nel ]633 vi fu realmente un'uccisione in Melissa essa potrebbe riferirsi a M. Antonio Carrafa dei Conti di S. Severino, del quale troviamo esplicita annotazione nei fuochi del 164], voI. 1366, Strongoli (Archivio di Stato di Napoli). Essa cosÌ suona:

N. 414 -- Per informatione costa che Marco Antonio Carrafa morse sette anni sono in Melissa, nella Parrocchia de S.to Iacovo, senza lasciare nè eredi nè robbe et era figlio del Prospero delli Conti di S. Severino (fol. 8).

Rispondono precisamente: l'anno] 633, il titolo di Conte e la stessa chiesa (S, Giacomo) dove fu ucciso. ­

di vessazione, ed essa stessa diede mirabile esempio di liberalità capeggiando ogni movimento tendente a fiaccare la prepotenza dei tiranni e sacrificando alla causa della libertà due preziose giovinezze di famiglia. .

Domenico Pignatelli (Pratica 332, Archivio Pignatelli) fece erigere a sue spese, nel gennajo del 1687, la cappella gentilizia della Cattedrale di Strongoli sotto il titolo di Santa Maria del Rosario e del Patriarca S. Domeuico, e nello stesso anno, (pratica 593, Archiv:io Pignatelli) fondò nella medesima cattedrale una Cappella col titolo di Santa Maria del Capo e con facoltà di presentare il Rettore e il Cappellano.

Egli sposò in prime nozze il 17 novembre 1678 Isabella Caracciolo, figlia di Fulvio, Duca di Montesardo ed in seconde nozze Diana Gambacorta di Francesco Duca di Limatola e Faustina Berlingieri. Non si ebbe figliuoli nè dal primo nè dal secondo matrimonio e nei fendi e titoli sarebbe dovuto succedere Lucrezia, sua sorella, se nonché rifiutò col consenso della predetta sorella Lucrezia, i feudi in favore del nipote Girolamo Pignatelli. Lucrezia morì il 27 luglio 1695 ed aveva sposato, a 23 febbrajo 1637, in Cerignola, Giovamattisbta Pignatelli, Duca di Tolve e possessore della Mastrodottia di Cosenza per eredità della famiglia Bernaudo.

Proprio da questo matrimonio nacque Girolamo, successo nel feudo di Strongoli. Egli era grande di Spagna e Cavaliere del Toson d'Oro; nacque in Sorrento il 16 Aprile 1645 e morì a Napoli il 2 febbrajo 1728. Aveva sposato in Napoli il 19 febbrajo 1688, Isabella Pignatelli di Giovanni, ed a 26 dicembre 1695, Marianna Caracciolo di Domenico, Marchese di Capriglia. Da questo secondo matrimonio nacque una seconda Lucrezia, Poetessa di certo volore, nata in Napoli il 1704 e morta il 21 Settembre 1760. Ella avea sposato in Napoli, il 20 febbraio 1719, Ferdinando Pignatelli Arago Da Cortes, Principe del Sacro Romano Impero, poi grande Alminante del Regno di Sicilia.

Era figliuolo di Nicola, Duca di Monteleone, Vice Re di Sardegna e poi di Sicilia.

Fu così che il feudo di di Monteleone, che presero Strongoli.

Strongoli passò al ramo dei Pignatelli in conseguenza il nome di Pignatelli :

Per cronologica successione si ebbero il feudo:

Salvatore, gentiluomo di Corte di S. M., anno 1767; Ferdinando, anllo 1792 e per effetto di annoso giudizio contro di questi, a causa di illegittimo riconoscimento di un figlio postumo, avuto con la Renner, il feudo passò al fratello Francesco, figlio di Salvatore nel 1799. Con quest'ultimo, morto il 27 Aprile 1853, si estinse la feudalità.

Il titolo di Principe di Strongoli e Conte di Melissa passò, poi, a Vincenzo, terzogenito di Francesco, Senatore del Regno (1853); a Luigi nel 1881, che fu Deputato al Parlamento, socio dell'Accademia Pontaniana ed autore di una bella traduzione in versi del l'Eneide. Da Luigi passò alla figliuola Ernila che nel 29 aprile 1903 sposò il vivente nobile Dottor Ferdinando Ferrara dei Baroni di Silvi e Castiglìone, Cavaliere d'onore e devozione del S. M. O., Componente la Consulta araldica Napolitana, Uomo di elevata coltura e di più alto sentire che, oltre ai tanti meriti di cuore e di intelletto, ha quello di avere riordinato il prezioso archivio di casa Pignatelli.Strongoli e di averlo, con generosità tutta propria, aperto ai bisogni degli studiosi, costituendosi cosi continuazione magnifica di quella nobile tradizione culturale di Sua Casa, della quale n'è tipico degno rappresentante. Egli ha già trasmesso, per anticipata successione, al diletto figliuolo Vincenzo, nato il 16 Giugno 1913, il titolo di Conte di Melissa. È sorella di Vincenzo, Margherita, che fu tenuta a battesimo da Augusta Regina Madre defunta, il 16 Febbraio 1912.

L'origine della famiglia Pignatelli si fa risalire dagli storici a Giovanni (1100) ed a Lucio (1102). Più ardi si divise in quattro rami.

La storia ci tramanda il nome di Angelo, valorosissimo Generale sotto l'esercito di Carlo D'Angiò, da questi che ne aveva ammirato il valore gli fu fatta profferta di passare nel suo esercito, con larghe promesse di gradi e di beni. Il Pignatelli, uomo senza macchia e senza paura, intrepidamente di­sdegnò ogni promessa e con animo sereno rispose: « Non lascerei di servire il mio Re per tutto lo stato vostro ». Adirato il Francese per il tono reciso della risposta avuta dal prigioniero, passò dalle preghiere alle minacce e, sperando di far peso sull'animo del guerriero, gli disse che l'avrebbe fatto morire. Angelo Pignatelli, che nel sangue aveva tutta la fierezza della sua nobile stirpe, più serenamente replicò: «Non è costume dei vostri pari far morire nessuno par mio, né ti sarebbe utile all'impresa che pretendi, spargendosi la fama per tutto il regno». Tali audaci parole pesarono non poco sull'animo del duca francese che volle onorario di cortese prigionia. Fu tale la stima che il Re Carlo ebbe di lui che, quando pochi giorni dopo, l'esercito del Re fece prigioniero Raimondo del Balzo, Signore di Molfetta, militante nell'esercito di Luigi, Carlo mandò l'araldo ad offrirlo in cambio del Pignatelli.

Altro nome glorioso fu Fabrizio Pignatelli Secondo, nato il 26 ottobre 1568 e morto il 24 ottobre 1627, a vent'anni Cavaliere di Malta e Baly di Santa Eufemia, presso Monteleone, valoroso capitano che combattè contro i Turchi, distinguendosi nella difesa di Tripoli e che, poi, ammalatosi e ritornato a Napoli, con i suoi denari armò molte {eluche che mandò in soccorso nell' isola di Malta. Religioso sopra ogni dire, i suoi ideali visse nell'opera di bene, fondando una chiesetta, ancora esistente; il ricovero per i pellegrini e l'ospe da1e per i convalescenti, opera per le quali destinò il suo territorio nominato Bianeomangiare e Pignasecca, territori questi avuti in cam bio dal Vice Re dopo J"espropriazione che egli aveva dovuto subire dei suoi magnifici giardini, attraverso i quali venne aperta la prima parte di via Toledo. Dall'istituzione del ricovero dei Pellegrini ne venne la celebre Arcicon&aternita dei Pellegrini, simbolo di sentita e vera carità, nella quale due sovrani non disdegnarono di indossare il rosso sajo (Carlo 111, capostipite dei Borboni di Napoli e Ferdinando 1 suo figliuolo) e più recentemente il nostro Principe Ereditario Umberto di Savoja.

Figura lucida fu pure Antonio, secondogenito di Francesco, nato il 13 marzo 1615 e morto il 27 settembre 1700, che regnò sulla Cattedra di Pietro anni 9, mesi 2 e giorni 15, sotto il nome d'lnnocenzo XII. Erroneamente il prof. Patari nella sua «Terra di Calabria>, lo chiama Vincenzo VIII, Papa che fu, invece, Ge­novese (1484-1492). Innocenzo successe ad Alessandro VIII e venne incoronato il 15 luglio 1691. Era stato Vice Delegato di Urbino, Governatore di Perugia, Nunzio Apostolico in Firenze ed in Polonia nel 1666, in Germania nel 1669 Vescovo di Lecce poi., Cardinale nel 1682, vescovo di Napoli nel 1685. ­

Di carattere dolce e mite si ebbe a Segretario di Stato lo Spada. Lottò il nepotismo ad oltranza, dandone per primo esempio, e lo sancì con pubblica costituzione «Romanum del Pontifieem » (Bullari, Rom., tom IX, pagina 260), bolla che fu promulgata il 13 luglio del 1692 e fu giurata da lui stesso e da 35 cardinali con la formula « Promitto, voveo et juro ». Con bolla « Ad hoc unxit Deus » vietò di vendere gli impieghi e le magistrature del fisco. Adibì il palazzo del Laterano ad ospizio dei poveri ed invalidi, ed era tale l'affetto che i poveri gli tributavano che, un giorno, una moltitudine di essi lo aspettò a due miglia fuori della città, tornante da Civitavecchia, tacendo ressa per sostituire i cavalli, ed affermando che toccava loro portare il padre dei poveri. Costruì in Civitavecchia i magazzini per le mercerie, portò l'acqua alla città, costruì a Roma la dogana di mare in Ripa Grande e quella di terra dietro la Basilica di Antonio; terminò la curia Innocenziana, fortificò il porto d'Anzio, proibì la lotteria, represse il lusso.

Uomo di carattere, fiaccò le insolenze dell'ambasciatore Cesario

Martinitz, riannodò le relazioni con la Francia e definì la viva po­lemica tiorta tra il Bousset ed il Fenelon. Sotto pena di scomunica impose silenzio alla questione carmelitana su Elia o Eliseo. Anche nel giorno della sua morte aveva erogato 40 mila scudi per il riscatto dei cristiani schiavi e per il mantenimento dell'ospizio di S. Michele in Roma. Giornalmente spendeva per la sua mensa un franco e ses santa centesimi.

Altri uomini illustri della famiglia Pignatelli furono: Francesco, terzogenito di Giulio II, Arcivescovo di Taranto e Cardinale di Napoli, morto il 1703; Geronimo, possessore della Mastrodottia di Cosenza e Cav. Del Toson d'Oro:

Nicola, Vice re di Sardegna e di Sicilia (1648);

Diego, Grande di Spagna di I classe (1687).

Ferdinando, guerriero illustre (1690).

Lucrezia, poetessa di certo valore (1704).

Francesco, Generale illustre (1848).

Ferdinando, cospiratore (U69) decollato a Napoli nel castel dell'Ovo per i suoi principi patriottico-liberali.

Mario, cospiratore anche lui (1773) decollato a castel dell'Ovo e del quale Lady Morgan potè scrivere, nel 1822: « Quand le moment de l'execution arriva, fut trouvé jouant et chantant une belle challon de sa composition, où il décrivait son sort et ses senti­menU» . Ed ancora Vincenzo e Francesco, cospiratori, che andarono raminghi per l'Europa per la causa nazionale, nel periodo clle, con magistrale critica, il Duce Mussolini ha qualificato come «periodo nel quale sbocciò la prima idea dell'unità della patria, in mezzo alle tumultuose e sanguinose vicende di guerre, invasioni, martiri e vandee ;'. Di queste due belle figure facciamo proprie le parole dello storico Nino Cortese: «Andarono raminghi per l'Italia e per l'Europa portando sempre vivi nel cuore, l'amaro dolore per la tragica fine dei fratelli decollati, l'odio contro ogni tirannico as801utismo e l'ardente brama di un migliore destino)}.

Dell'avventurosa vita di Vincenzo sappiamo qualcosa di più particolare:

Al ritorno dei Borboni, fu condannato a 25 anni di deportazione (27 ottobre 1799) riparando in Marsiglia. Fu capitano della Legione Italica, partecipò alla battaglia di Marengo (14 giugno 1800), di Siena (14 gennajo 1801); fece la campa_na del 1805, prese parte alla spedizione contro i Borboni di Napoli nel 1806, partecipò all'assedio di Gaeta. Fu nominato Scudiere del Re il 20 mag_io 1808, Generale di Brigata il 9 Giugno 1808, nel 26 aprile 1812 fu eletto aiutante di campo del Re Murat e, come tale, lo seguì in Russia. Il giorno della conquista di Mosca (15 settembre 1812) fu nominato Tenente Generale e si ebbe mutilato un dito per congelamento. Scrisse un'opera: « Progetto di ordinanza della cavalleria)}. Nel 1810 fu trasferito in Calabria al comando del distretto di Rossano, comando che tenne fino a tutto ottobre di tale anno. Quivi la sua opera nobilmente e sagacemente spesa per il ripristino della calma si ebbe la massima lode e lo attestano le due deliberazioni dei Decurionati di Rossano e di Corigliano; la prima datata 1" novembre 1810 e la seconda 3 novembre 1810, nelle quali, esplicitamente, di lui è detto: « Per i suoi rari talenti, indefesse fatiche, energia incomparabile, si è recuperata in queste contrade la tranquillità che da quattro anni erasi perduta» .

Fu nominato Barone dal Murat il l° gennajo 1811 e a detta Baronia era annesso un Majorascato. Il titolo fu concesso per discendenza mascolina di primogenitura.

Gli fu fratello Francesco, cospiratore anche lui e del quale Terenzio Mamiani faceva scelta nel suo dialogo «Mario Pagano ovvero dell'immortalità» unitamente a Giuseppe Poerio, quale interlocutore. E_li era padre di quella Irene che nel 29 settembre 1839 andò sposa a D. Lconardo Giunti. Di lui n chiaro prof. Nino Cortese scrisse:

« Durante la rivoluzione del 1848-49, ormai vicino a morire, si sentì levare alta la voce in difesa delle istituzioni liberali e dell'unità Ita. liana, che erano siate il sogno e lo scopo della vita sua».

Degna di ammirazione fu la forza di animo dell'afllitta madre di Mario e Ferdinando, signora nobildonna Mastrilli, che spartanamente subì il dolore dell'atroce fine dei figliuoli decollati.

Una figura poi sulla quale si sbizzarrì tutta la cattiveria degli storici, in buona e mala fede, ad iniziare dal Colletta, fu il Mare­sciallo Francesco, che dal governo borbonico veniva inviato in Calabria il 15 febbrajo del 1783, nella luttuosa circostanza del terremoto che aveva rovinato duecento paesi ed uccise molte persone. A lui fu data la autorità e facoltà di « alter ego » sopra tutti i presidi, tribunali, baroni e corti ed aveva posto il suo Quartiere Generale a Monteleone.

Nel 1795 da Presidente dell'Udienza Generale fu promosso Presidente della Suprema Giunta di Guerra ed al suo posto fu nominato il Tenente Generale Spinelli, il 7 aprile 1792.

A lui si appioppa la qualifica di rapitore del pubblico denaro, nonché quella di traditore. Nino Cortese, storico illustre della Società di Storia Patria, mise nella sua giusta luce un tal personaggio, snebbiando, con seria documentazione, le gravi accuse mossegli, con un articolo: « La Calabria Ulteriore alla fine nel secolo XVIII» (Rivista critica e di coltura storica del prof. Zanzari, anno I, fascicolo III e 4 luglio ottobre 1921) facendo seguire poi un'egregia e colta opera dal titolo: «Memorie storiche di un Generale, 1927». Da una tale stringata critica risulta infatti che si attribuirono al povero Generale tutte le malversazioni da altri compiute in suo nome.

Degno pur di nota di una tale nobile famiglia fu un secondo Vincenzo, che dal 1784 al 1787 tenne la Presidenza della Cassa Sacra, istituita in Catanzaro con Reale dispaccio di Ferdinando IV del 4 giugno 1784, per alleviare le pene del terremoto e poi sciolta nel 1796 per intercessione del vescovo di Mileto, Enrico Capece Minutolo, il quale ottenne dal governo la reintegrazione dei beni ecclesiastici confiscati, secondo il Falcone, ed attribuita all'Arcivescovo Fra Bernardo Maria Cenicolo di Reggio, secondo quanto invece afferma Domenico Spanò Bolani.

Ricordiamo ai lettori che l'incameramento dei beni ecclesiastici per l'istituzione della Cassa sacra fu permesso da Papa Pio VI, dopo un colloquio avuto con il Maresciallo Francesco Pignatelli, mandato dal Re il 3 Aprile 1784.

Strongoli, poi, deve ricordare con affettuosa riconoscenza il Principe Geronimo, in quanto con testamento per notar Ranucci di Napoli (2 febbrajo 1720) istituì un legato per maritaggi nel comune di Strongoli, sede del Principato e per il quale si ebbe il R. assenso il 15 marzo 1725 (vedi Archivio Pignatelli, privilegio 13, foglio 14 8. t.).

Come sopradetto, con Francesco figlio di Salvatore, morto il 1853, si estinse la feudalità. Quest' ultimo fu uomo di rari talenti e continuazione della tradizione patriottica di famiglia, uniformando tutta la sua vita ad una dirittura morale ed una coerente politica che non possono suscitare che profonda ammirazione. Per lui LADY MORGAN ebbe a scrivere : «A des talents politiques et littéraires très-remarquables; et ses vertus domestiques étaient à l'unisson de ses principes patriotiques » .

Non ultima brillante figura di donna fu la Principessa Adelaide Pignatelli, zia amatissima dell'attuale Principe Strongoli, dama di corte della Regina Madre, Accademica Pontaniana, morta ad 89 anni, nel 1932. Fu fondatrice dell' Istituto Suor Orsola di Napoli, al quale lasciò un cospicuo legato; medaglia d'oro per benemerenze della sanità pubblica ed Ispettrice governativa dell'istituto predetto.

L'arma e lo stemma della famiglia Pignatelli, che riportiamo in illustrazione, si vuole ricordi un' audace beffa falla da un tal Landolfo dei Duchi di Benevento, il quale, in omaggio al normanno Re Ruggiero, nel cui esercito militava, pare avesse saccheggiato le cucine di Emanuello, Imperatore d'Oriente, asportandone le ricche pignatte di argento.

Le notizie che della città abbiamo in tale periodo sono un pò scarse. Sappiamo che Strongoli era esente dal dare alloggio ai soldati, salvo che per una sola notte, (anno 1621-29 maggio. Arch. Pignatelli, fascicolo primo, pratica 28).

Come adesso, era anche allora, uso che si provvedesse a dispensare le candele al pubblico nel giorno della. Purificazione, ma la spesa era a totale carico del Principe (1654 fascicolo 5, prato 66, archivio Pignatelli).

Nel 1665 si provvide al censimento della popolazione (fascicolo 51, pratica 18, Arch. Pignatelli).

Il 15 febbraio del 1721 (fascicolo 51, pratica 104, Arch. Pignatelli) Strongoli ricevé dal Re la concessione di una fiera per istanza di D. Ferdinando Pignatelli d'Aragona.

Nel 1740, addi 4 dicembre, fu rilasciato al Sindaco attestato specifico per avere esercitata la carica con esattezza e premure, e nel 1768 (pratica 107, fase. 51, Arch. Pignatelli) si fa cenno della gestione di D. Giuseppe Tesoriere quale deputato dell'annona.

Nel 1773 i cittadini di Strongoli ricorsero contro il parlamento della città, ed il 17 aprile del 1781 il Principe provvide alla nomina del Sottotenente della squadra in persona di Tommaso Bianco e del soldato Biaforte Felice Antonio.

Il 29 Maggio 1788 si nomina un armigero nella persona di Gregorio Fazio, e nel 1796 si conferma il titolo di Governatore e Giudice al Signor D. Vespasiano De Luca.

Nel 1789 la Corte principale fitta la difesa di Perticaro ai magnifici Natale e Giuseppe Amoroso con l'assenso di Don Nicola Giunti, Agente generale dello Stato di Strongoli (Fasc. 58, prato 43, Arch. Pignatelli).

1) Angelo Vaccaro : Fidelis Petelia 





CENNI STORICI della Famiglia
PIGNATELLI Principi di Strongoli

Estratto da:

www.pignatelli.org/storia_italiano.htm






La famiglia Pignatelli di Strongoli diede alla Rivoluzione Napoletana del 1799 tutti e quattro i suoi figli: Ferdinando e Mario furono uccisi dalla reazione Sanfedista e Borbonica ; Francesco e Vincenzo andarono raminghi per l’Italia e per l’Europa , portando sempre vivi nel cuore l’amaro dolore per la tragica fine dei fratelli e l’odio profondo contro ogni tirannia.

La Rivoluzione Francese ebbe in loro ferventi seguaci delle teorie innovatrici.

Napoleone e Murat li trovarono nelle file dei loro eserciti , quando si tratto’ di difendere la liberta’ ed il nome d’Italia.

Lady Morgan , nel suo libro scritto dopo la Rivoluzione del 1820/21 scriveva dei patrioti della penisola ed additava i quattro fratelli “ Tous jeunes et ardents patriotes … et Mario , …quand le moment de l’execution arriva , fut trouve’ jouant et chantant une belle canzone de sa composition , ou’ il decrivait son sorte et ses sentiments…”

La storia della famiglia Pignatelli , permette di chiarire la evoluzione spirituale , che molti rappresentanti della Aristocrazia Napoletana maturarono nel periodo illuminista e si possono individuare le varie tendenze che vennero in lotta fra loro nel 1799 , che si risolsero nella vittoria di un ideale , vagheggiato nell’800 : il Liberal-unitario.

I Pignatelli una delle piu’ illustri famiglie del Regno,avevano servito l’esercito Spagnolo ma , Nicola Pignatelli ( 1648-1730 )
VIII duca di Monteleone e VIII Marchese di Cerchiara , fu nominato Vicere’ di Sardegna e Sicilia sotto il dominio Austriaco e fu il primo ad operare la conversione Imperiale.

Ferdinando , suo secondogenito (1689-1767 ) , I Principe di Strongoli , combatte’ in Spagna in favore del pretendente Carlo III ed in seguito in Ungheria agli ordini del Principe Eugenio di Savoia , si distinse nella Battaglia di Bitonto, comandando la cavalleria ( 25/5/1734 ) durante la Guerra di Successione Polacca e per il dominio per Napoli .

Ritornato a Vienna , ebbe in ricompensa da Carlo VI Imperatore il titolo di Ammiraglio del Regno di Sicilia ed il grado di Tenente Maresciallo (1734 ).
Nel 1741 riottenne da Carlo III di Borbone-Spagna (Carlo VII di Napoli ) di rientrare nel Regno.

Sposo’ nel 1719 Lucrezia Pignatelli Principessa di Strogoli , Duchessa di Tolve e Contessa di Melissa ( 1728-1760 ) , che porto in dote cospicui feudi e titoli di provenienza Campitellie Moles , per precedenti matrimoni.

Ebbe tre figli :

1 ) - Salvatore (1730-1792)
Tenente Colonnello dei Dragoni.
III Principe di Strongoli , Duca di Tolve e Conte di Melissa.
Grande di Spagna di Ia Classe , Gentiluomo di Camera di S.M.
Sposo’ nel 1767 Giulia Mastrilli figlia del Duca di Marigliano.

…to be continued , copyright Gioacchino del Balzo 2002.