Panoramica Petelia gia Strongoli
ARCHEOLOGIAPETELINA
     
       

L'EVOLUZIONE  DELLA  SITULA IN  SICILIA  E  CALABRIA

 

 

Il  termine   « situla »   fu   in trodotto   dal  Ghirardini   (1902) allorquando   si  trovò  a  definire  le  secchie  atestine.  Successiva­ men te piacque  al  Bernabò  Brea  che lo  applicò  a  quelle  ausonie.

Oggi, ad  una  larga  diff usione  di  questo  termine,  purtroppo si con trappone spesso u n  significato  troppo  lontano  dall'origi­ nale,  per  cui  necessitano  qui  alcune  premesse.

In base alle  dimensioni  potremmo  denominare  situla  u n vaso a corpo allungato, cilindroovoidale o tendente al  tronco­ conico, dota to di bocca  non  distinta,  misuran te  dai  30  ai  55 cm di altezza, mentre olla e dolio situliformi gli esemplari rispet­ tivamen te di minori e  maggiori  dimensioni . Al  di  sotto  dei  20 cm  potremmo  definirlo  boccale  o  bicchiere  situliforme.

Un'altra distinzione potrebbe essere opera ta  in base  alle funzioni a cui poteva essere adibito  il  vaso,  considera ndo  la  si­ tula  quale  contenitore  nell'uso  agricolo,  o  nella  pastorizia,  e quindi  di  dimensioni  da  rendere  possibile  un  facile  trasporto man uale . Ma queste definizioni si mostrano artificiose quando si esaminano gli esem plari presen ti nelle  necropoli,  come  ad  esem­ pio in quella di Piazza Monfalcone di Lipari, ove il monotipo domina, ma si presen ta in qualche caso di dimensioni alquan to inferiori o superiori  a  quelle  sopra  indica te.  Evidentemente  quin­ di le dimensioni di una situla sono proporzionali alle molteplici funzioni  a  cui  può  essere  preposta.

 

La si tula è  probabilmen te  il  derivato  della  trasfor mazione di prototipi originari dell'Anatolia ( Lamb W., 1938), diff u sisi in Macedonia e nel Peloponneso  (Blegen  C. W.,  1898),  ed  infine giu n ta nell'Italia Meridionale  duran te  la  formazione  della  cul­ tu ra appenninica.

In Sicilia u n dolio  situliforme,  a  corpo  troncoconico  allu n­ ga to, munito di anse a ma niglia e cordone liscio  verticale , luci­ dato in rosso  corallino, compa re già in u na sepoltura ad i nci ne­ razione della locale fase arcaica  della  Prima  età  del  Bronzo  di Fiu medi nisi (Villari P., 1980 e 1981), probabilmente posto  a chiusu ra di un pithos. Esso sembra ricollega rsi agli esempla ri ori­ ginari del Vicino Orien te, probabilmente giun ti in  Sicilia  in  s guito all 'insta urarsi di  con tatti  con  cen t ri  dell'Egeo  Mesoel­ ladico .

Grandi conche situlifor mi ci pervengono dalla necropoli ad enchy trismòs della  Media  età  del  Bronzo  del  Pred io  Caravello di Milazzo ( Bernabò  Brea  L., Cavalier  M.,  1959 )  rappresen tate da lle tt.  19  e  30,  ove  non  compare  traccia    di  inumazione nè  di  incinerazione,  e  dalla  t.  28  probabilmen te  i n  relazione con u n grosso pithos . Le prime due sono dotate  di  cordoni  a tacche o ad impressioni digitali , l'una muni ta d i due prese a linguetta t ribola ta, l'al t ra d i due  anse  a  robusto  cordone  oriz­ zon tale  a  sezione  quadrangola re .  L'esem pla re  della  t.  28  non è cordona to, ma vi è presen te almeno u na presa a linguetta  con ma rgine den tella to . Si t ratta di vasi a tozzo corpo ovoidale che rivelano analogie con quell i ri nven u ti nei coevi si ti di facies ap­ penninica della penisola i taliana , con i quali la cul tu ra del Mi­ lazzese ( Bernabò Brea L., Cavalier M., 1968) (Villa ri P.,  1981), localizza ta nelle isole Eolie e nella  Sicilia nordorien tale , ha  rive­ la to  in trattenere  con tatti  com merciali.

Sull'acropol i di Lipa ri , a questa cultura si sovrappone u n gruppo  etnico   di  facies  ta rdoappen ni nica   denomina to   ausonio ( Bernabò Brea L., Cavalier M., 1956). Fra  l'abbonda n te  cera­ mica rinvenu ta  nel  villaggio  di  q uesto  periodo,  vi  sono  delle si t ule cordona te , decora te a tacche o ad impressioni  digitali (fìg.

situla

1, d ),  talvolta  adopera te quali enchitrismi di infanti,  sepolte pres­ so  le  capan ne  (Bernabò  Brea  L., Cavalier  M.,  1980)  (fìg.  1, b). A  Milazzo,  nella  necropoli  dell'Istmo  (Bernabò  Brea  L., Ca­ valier M.,  1959) si ha l'in troduzione  del rito dell'incinerazione  dai rigidi  canoni  protovillanoviani,   ovvero  un  campo  d'urne.  Queste sono inseri te  in pozzet ti  artificiali  e, oltre  da  sassi, sono  talvolta ricoperte  anche  da  frammenti  di si tule. Non  si tra t ta  di un caso, data  la  specificità  ed  esclusività  del  vaso,  per  cui  a  mio  avviso dovrebbe   tra t tarsi  di  un  complemen to  di  ri to,  quale  è  ricono­ sciu to ad esempio lo spezzare dell'ansa  delle urne  o delle scodelle di  chiusura.   Indicativa  ne  è  la   154  ( fìg.  1, a)  che  si   trovava schiaccia ta  al  di  sopra  della  lastra  litica  posta   a  chiusura  del­

l'urna. Mi chiedo se si tra tti del rito di fran tuma re, o di porre frantuma ti,  vasi  di corredo  della  sepoltura,  e  perché  si  scelgono a questo scopo solo le situle, anziché altri tipi di vasi e di altre dimensioni.

Le t t. 7-88-92-115-154 presen tano  frammenti  di  situle  ci­ lind riche  dotate  di  cordone   a  tacche  o  ad  impressioni   digitali, i n terrotte  da  prese  a  linguet ta,  corren te  poco   sotto  l'orlo.

Non ma ncano le situle cinerarie  ( tt.  108-109 ),  del  tipo  so­ pra  descrit to.  I  nuovi  scavi  del  Voza  non  sembrano  aver  messo i n luce fondamen tali variazioni. Queste situle trovano immediati riscon tri in quelle  dell'abita to  di  facies  tardoappenninica  (Auso­ nio I ) dell'acropoli  di  Lipari,  ed  hanno  eviden ti  affinità  con quelle coeve rinvenu te in alcuni siti peninsulari, quali Scoglio del Tonno  ( Quagliati  Q.,  1900),  Lepora no  ( Lo  Porto   F. G.,  1963) e  Coppa  Nevigata  (Mosso  A.,  1909).

Nella seconda fase ausonia, a Lipari, necropoli di Piazza Monfalcone ( Bernabò  Brea  L., Cavalier  M.,  1960), sembra  aversi la testimonianza del pu n to  d i  viraggio,  dal rito  dell'enchytrismòs en tro grossi pithoi o situle, probabilmen te di tradizione locale Milazzese,  all'incinerazione  e  deposizione  delle  ceneri  entro  si­ tula o piccolo pithos. Si trat ta di situle dalle caratteristiche stan­ dardizza te, essendo pret tamente di  forma  cilindroallungata  ten­ den te  all'ovoidale,  m u nite  d i   cordoni  lisci  imposta ti  sotto  l'orlo

 

 

indistin to, ed interrot ti da prese a linguet ta (fìg. 1, c). Alle trentacinque situle monotipo si devono aggiungere u na  decina  di altri esem plari analoghi, trovati sporadica men te duran te lo scavo. Sembra quasi di trovarsi innanzi all'in troduzione di un ri to che impone rigidi canoni.  Sorge  spomaneo  paragonare  il campo  d'u ne di Milazzo  a questo  « campo  di  situle  cinerarie »  ed  a  quello di Torre Castelluccia  di  Pulsa no  presso  Taran to  ( Rellini  U., 1932)  ( Drago   C.,  1950).

Ment re  stilavo  questo  lavoro,  sul Mon te  di Giove,  sito  sulla costa  tirrenica   messinese ,  nei  pressi  di  Tindari,  localizzavo  u n vasto  abita to  con  necropoli  a t tribuibili  alla  prima  fase  ausonia . Dall'area  della  necropoli  ci  pervengono   i  resti  di  situle,  bacili , grossi e piccoli  pi thoi , chiusi da  u na  macina  in  andesite  o rioda­ cite  liparota,  o  talvolta   da  una   dotala.  Per  guanto  concerne  le situle  ( fìg.  1, e),  esse  rientrano  nei   tipi  già  noti  dell'acropoli  e della necropoli di Piazza Monfalcone  di Lipari  (Villari P., 1981 b). Esemplari    analoghi   sono   presen ti   nell 'entroterra   siciliano,

al Molino  della Badia , sito nel terri rnrio di Caltagirone ( Bernabò Brea L., Militello E., La Piana  S.,  1969),  assieme  a  grandi  con­ che a cordona tura complessa e dotare di anse a robusto cordone orizzon tale poste sul ven tre (fìg. 1, e-f ), del  tipo  presente  tanto nella  facies  del  Milazzese,  guanto  nelle  fasi  Ausonio  I  e  II.

Recen temen te  Bernabò  Brea  e  Cavalier  (1980)  hanno  inter­ pretato  la presenza  del  cordone  in terrotto  da  quat tro  linguet te , quale  una   stru t tura  a  sostegno  di  stretti  giri   di  corda   attorno al  corpo  del  vaso .  Tale  corda  doveva  poi  fungere  da  ansa  ele­ vandosi   da   un   capo   all'altro   dell'orlo .   Condivido   tale   ipotesi anche  se dubito  tale  funzione  in  esemplari  di  grandi  dimensioni .

Possiamo  instaurare  comparazioni  confron tando  le  situle  ed i boccali  situliformi  degli  strati  degli  abita ti  ausoni  dell'acropoli di Lipari ( Bernabò Brea L., Cavalier M .,  1980) con  quelle  rin­ venu te alla Meta Piccola di Len tini (Rizza G., 1962) ed a Pu nta Castelluzzo di Augusta (Bernabò Brea L., 1971), posti nel ter­ ritorio che la leggenda attribuisce a  Xou thia,  cen tro  fondato  dal­ l'au sonio  Xou thos .

 

 

Site presso o entro il vi llaggio coevo della fìne del IX-VIII secolo a.C., il gruppo di sepolture ad enchy trismòs entro si t ula o pi thos del Mon te Belvedere  di Fiumedinisi  ( Villari  P.,  1981 e 1981 b)  ha sinora  resti tui to si tule provviste  di prese  a semi­ luna  o di  anse a  bastoncello  orizzon tale , impostate  poco  sotto l 'orlo. Allo stato attuale delle conoscenze, nel pa norama siciliano delle necropoli dell'età del Ferro, il ri to dell'enchytrismòs  è co­ nosci u to solo in questo sito, cara tterizza to da ceramica di facies tardoausonia . Particolare  importa nza  riveste  il poter  comparare l'associazione situle a prese a semiluna chiusa da uno scodellane a labbro rien tran te, della sep. 1 pertinente un infan te (fìg . 1, n), ad un enchyrismòs di bimbo a combinazione medesima localiz­ za to in Puglia a Salapia ( Tinè Berocchi F., 1975 ( fìg . 1, m ) . Ov­ vero lo stesso ri to rileva to in area liburnica a Nin , sulla costa dal­ ma ta ( Batovic S., 1972) ed in Calabria (Orsi P., 1922 e 1926) . Due situle cinerarie di età protogreca  ( tt. IX-X)  (fìg . 1, i),

sono  presenti  nella  necropoli  dell'Istmo  di  Milazzo  ( Bernabò Brea L., Cavalier M ., 1959) ( Trincea dell'Acquedotto) . La IX è ovoidale, dota ta di due anse a bastoncello orizzon tale poste poco sotto l'orlo ; la X è cilindroovoidale  a fondo rastremato, mu nita di quattro prese a linguetta . Du ran te lo scavo della trincea di via XX settembre, si ri nvenne una situla ovoidale dotata di quattro prese  a  semiluna ,  probabilmen te  anch'essa  di  età  protogreca .

In terri torio  etneo,  nella  necropoli  di  Sciare  Manganelli ( VII-VI  secolo  a.  C.) del  villaggio  siculo  del  Mendolito  ( Pe­ lagatti P., scavi inediti , materiali al Museo di Ad rano) vennero alla luce delle piccole situle ovoidali munite di qua ttro prese a linguetta semicircolare o a semilulla , impostate poco sotto l'orlo .

Nella locride, a Ianchina, la sep. 56 ovvero una grotticella le necropoli dell'età del Ferro . Gli esemplari più antichi sareb­ bero quindi quelli rinvenu ti fra le rom be a fossa di Torre Mor­ dillo. Si tratta di una quindicina di situle ovoidali non meglio defìni te, i n alcu ne delle quali si conservavano ossa infan tili non combuste. L'Orsi, che ne curò restau ro, assicu ra iden tiche a quelle della locride ( Orsi P., 1922).


A Torre Galli  (Orsi  P.,  1926),  le  si tule  si  trova va no  poste en tro ( t t. 1-321) o sopra la fossa ( tt. 290-291-292-299 (fìg . 1, 1) 30-1-315-326) ,  prive  di  con ten u to  ma  probabilmen te  enchi trismi d i bimbi. Sono vasi ovoidali di  tipo  assai  semplifìcato,  essendo privi d i anse, prese o cordoni ,  se  si  eccet tui  la  299 ,  dota ta  di quat t ro presette a similuna . In prevalenza  però  questi  vasi  de­ vono at tri bu i rsi ad epoca storica, essendo associa te, se non po­ steriori ,  a  sepol ture  a  fossa   i  cui   corredi   rivelano   fra   l'altro l'in troduzione  d i  vasi  corinzi  acca nto  a  ma teriali  indigeni.

Nella  locride ,  a!anchi na , la  sep.  56  ovvero  u na  grot ticella

artifìciale , ha da to tre sicule adibite ad  enchytrismòi  di  bi mbi , privo  d i  con tenuto.  Si  tra t ta  di   esempla ri   di  forma   ovoidale allu nga ta,  dotati  di  quat t ro  presette  a  semiluna  o  di  u n  cordone a   tacche   verticali ,  corrente   poco    sotto   l'orlo   (Orsi   P.,   1926) ( fìg . 1, h ).

Esaminando  le  situle  rinvenu te  nelle  necropoli  e  negli  abi­ ta ti  sicilia ni  e  calabresi ,  osserviamo  che  da  esempla ri  cordonati e dota ti di linguet te dell'età del Bronzo, si passa a quelli non cordonati e provvisti di prese a sem ilu na o anse a bastoncello orizzon tale dell'età del Ferro .  Tale  trasformazione  è  a  m io  a viso  u na  semplifìcazione  lega ta  a  nuove  esigenze  funzionali  nel­ l 'uso  domestico.  Di  riflesso,  nelLe  necropoli  queste   variazion i della tet tonica vascolare avran no avu to effetti semplifìcanti (uni· tamen te ad altri m u tamen ti  opera ti  o  operan ti  in  quel  periodo) nel  con testo  di  quel  complesso  di imposizioni  ri t uali  in  con tinua t rasformazione   che  dev 'essere   stata  la   sepoltura   in   vaso .

Osservando   le   applicazioni    nell'uso    fu nerario,    enchytrismòs o incinerazione che  sia  (« campi  di  situle  cinera rie »,  ecc.),  mi sembra  che  la  situla  nelle  necropoli  sia  u n  vaso  la  cu i  presen za è   spesso   u na   esigenza,   anche   se   talvol ta   non   necessariamen te f u nzionale  ( vedi  le  situie  fran tu ma te  sopra  la  lastra   di  chiusura dei  pozzet ti  protovilla noviani ,   o   che   proteggono   la   testa   degli inu ma ti  in  fossa  al  Mulino  della   Badia ,  ecc.).

 

PIETRO   V r LLA R l